Le norme in materia di sicurezza sul lavoro contenute nel D.Lgs. 81/08, hanno esteso la loro attenzione anche ad aspetti relativi alla sicurezza negli uffici.
La normativa obbliga il datore di lavoro ad appurare personalmente, grazie al supporto di figure quali RLS e RSPP, che gli uffici e gli ambienti di lavoro della propria organizzazione siano adeguati e in linea con quanto disciplinato in tema di tutela della sicurezza.


PMI Servizi
eroga corsi sulla sicurezza sul lavoro negli uffici
validati dall’Ente Bilaterale
con attestato valido a tutti gli effetti di legge.

Richiedi adesso informazioni! Riceverai SUBITO una risposta!


Per quanto riguarda i principi di sicurezza da osservare in ufficio, tra gli aspetti strutturali da considerare vi sono:

  • Vie di fuga e di circolazione. Da progettare nel rispetto della normativa antincendio e da tenere sempre libere da ostacoli per agevolare un’eventuale evacuazione;
  • Arredi, porte, componenti. Gli arredi devono essere sicuri ed ergonomici, le porte, trasparenti e resistenti agli urti, devono aprirsi verso l’esterno per facilitare l’uscita in caso di emergenza.

Negli uffici è necessario verificare i rischi cui sono sottoposti dipendenti e videoterminalisti in modo da tutelarli da eventuali fenomeni di stress lavoro correlato e infortuni.
Lo stress lavoro correlato può colpire i dipendenti di uffici chi ha incarichi che richiedono un alto livello di concentrazione.
Tale disturbo determina un abbassamento della soglia di resistenza alle tensioni ed uno stato di ansia generato da eccessive pressioni psicologiche imposte dall’esterno.
Anche per i rischi relativi allo stress, l’azienda è chiamata a svolgere una Valutazione dei Rischi e a redigere un Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) da aggiornare annualmente.
I videoterminalisti devono svolgere la loro attività in condizioni idonee che garantiscano la propria salute.
Per questa categoria professionale, caratterizzata da un “uso sistematico e abituale dei videoterminali”, il datore di lavoro dovrà mettere in atto provvedimenti preventivi che limitino i rischi di affaticamento visivo e disturbi muscolo-scheletrici nei lavoratori.

Accorgimenti indispensabili da seguire sono:

  • - Schermo a norma, inclinabile e orientabile a discrezione del videoterminalista, distanza di almeno 50 – 70 cm dagli occhi e con un’angolazione rispetto ad essi leggermente più bassa;
  • Piano di lavoro non riflettente, né lucido, di grandezza sufficiente per collocare la tastiera a circa 15 centimetri dal dipendente, stabile e ad un’altezza compresa tra i 70 e gli 80 cm da terra.
  • Seduta che permetta una corretta posizione ergonomica, regolabile per inclinazione e altezza.